Category: Saggi brevi

Famiglia Tovaglieri/Tovagliari

Il cognome Tovagliari (cosi’ come la sua variante, Tovaglieri) fa riferimento ad una professione. E’ pertanto possibile che questo fosse originariamente il soprannome dato ad una persona o un ad gruppo di persone aventi un precedente cognome. Quale era questo antico cognome? Queste sono l’ipotesi e la domanda iniziali su cui si fonda il presente progetto di ricerca sulla famiglia Tovaglieri/Tovagliari. Il progetto e’ iniziato nel 2013 ed e’ volto all’identificazione delle radici storiche della famiglia in questione ed alla ricostruzione del suo albero genealogico.

La ricerca sui Tovaglieri/Tovagliari  di Carbonate e’ quindi solo una parte di un piu’ ampio progetto, tuttora in corso. In questo percorso, iniziato a ritroso dagli archivi di Busto Arsizio, Carbonate e’ una tappa intermedia di estrema importanza per capire l’evoluzione di questo ceppo familiare. Con il presente poster si vogliono pertanto illustrare i risultati finora ottenuti riuguardanti il ramo Carbonatese della famiglia durante i secoli XVI e XVII. Le fonti documentarie utilizzate per questo lavoro consistono primariamente nei registri parrocchiali (di Carbonate e, in parte, di Locate Varesino) ed in alcuni documenti provenienti dall’Archivio di Stato di Milano. Si tratta, in ultima analisi, di un contributo, seppur minimo, alla storia di Carbonate che potra’ essere di spunto e base di partenza per altri ricercatori.

Federico Tovaglieri.

Poster_Carbonate_Fronte_Final

Poster_Carbonate_Retro_Final

La festa di Sant’Anna

 

Come tutti voi sapete la sera del 26 luglio di ogni anno è un momento speciale per la comunità delle Ceppine. All’interno del suo oratorio infatti viene tenuta la festa di Sant’Anna, che è ormai diventata un importante appuntamento fisso per tutta la città di Tradate. Una volta questa festa era ben diversa da come la conosciamo noi oggi. I nostri nonni e bisnonni cominciavano i festeggiamenti alle sette del mattino, con la prima messa, nella vecchia chiesetta.

Read More

I mesi di Antonio da Tradate

I MESI DIPINTI

Sulla scia dell’interesse innescato anni fa da alcuni nostri concittadini verso il pittore Antonio da Tradate[1], approfondisco  un tema, quello dei mesi, che lui affrontò in due occasioni e che a noi offre lo spunto per conoscere diverse situazioni inerenti lo stato dell’arte in Lombardia tra il ‘400 ed il ‘500.

Read More

Antonia Pusterla Mariani

ANTONIA PUSTERLA MARLIANI 1603-1651: voce di una monaca del secolo successivo nel monastero di S. Sepolcro di Tradate.

Vivere in un monastero di clausura non è una cosa facile, io però sono sicura della mia vocazione  e la vita scorre via tranquilla. O almeno così pensavo fino a quando nel 1786  giunge la notizia che il Governo vuole chiudere, sopprimere, diversi monasteri, tra cui il nostro. A dire il vero per Tradate non è una novità, infatti i Serviti sono stati mandati via circa 16 anni fa.

Read More

Croci Stazionarie

DI CROCE IN CROCE

Dopo la peste del 1576 l’arcivescovo (San) Carlo Borromeo invitò ogni comunità ad erigere delle colonne in pietra, sormontate da una croce, in sostituzione degli altari provvisori collocati nelle piazze o nei larghi, soluzione che consentiva di evitare il contagio e nel contempo di partecipare alle sacre funzioni, come ricordano il biografo del santo o le numerose testimonianze pittoriche.

Read More

Società Anonima Frera

La “Società Anonima Frera” ricoprì certamente un ruolo di primissimo piano nel processo di cambiamento e modernizzazione che coinvolse Tradate e tutta la Lombardia nella prima metà del Novecento. Corrado Frera dopo diverse esperienze lavorative a Milano, sempre nel settore motociclistico si trasferì a Tradate, forse meta di qualche sua villeggiatura negli anni precedenti. Nel 1905, su consiglio di un amico che era pratico del paese, vi fondò il suo stabilimento, uno dei primi in tutta Italia a produrre motociclette.

Read More

Tradatesi al voto

Le elezioni dell’Assemblea Costituente.

 

Alle elezioni del 2 giugno 1946, le prime dopo la dittatura fascista, Tradate, dopo una parentesi durata ben ventitre anni, riscopriva il processo democratico. Il risultato più eclatante di questa tornata elettorale fu senza dubbio la strabiliante affermazione della Democrazia Cristiana di Alcide De Gasperi che, con 2775 voti su 6594 elettori, otteneva quasi il 47% delle preferenze, affermandosi come la forza politica di maggioranza nel panorama politico cittadino.

Read More

Associazione Studi Storici Tradatesi Onlus & piazza Mazzini 1- 21049 Tradate (Va)- cf 95066040122